Tag Archives: askoll

EICMA 2017: tre nuovi scooter dalla Askoll

12 Nov

Dopo l’ES1, l’ES2 e l’ES3, con EICMA 2017 la Askoll introduce sul mercato tre nuovi modelli:

  1. eS-Sport (=ES2 versione “sport”):  potenza 2.7 kW, autonomia 80 km (eco), velocità 45 km/h; batteria da 2.1 kWh/54V, coppia di 130 Nm

Per le aziende:

  1. eS-Pro-45: 2.7 kW, 80 km (eco), 45 km/h; batteria da 2.1 kWh/54V, coppia di 130 Nm
  2. eS-Pro-70: 3 kW, 96 km (eco), 70 km/h; 86 kg, 2.8 kWh

Le autonomie reali che ci si possono aspettare con quei pacchi batterie e quelle velocità sono, considerando consumi medi di 35 Wh/km per un ciclomotore e 60 Wh/km per uno scooterone:

  1. eS-Sport: 60 km
  2. eS-Pro-45: 60 km
  3. eS-Pro-70: 45 km

 

 

Scooter elettrici comunali ieri e oggi: arriva Askoll

16 Lug

Anno 2003: il comune di Milano acquista oltre 100 scooter elettrici Oxygen Lepton per i vigili urbani.

Anno 2013: 10 anni dopo il comune di Milano svende quei vecchi scooter, praticamente mai utilizzati perchè risultati mediocri, con autonomia tra i 25 e i 35 km reali per soli 200 cicli di ricarica.

Anno 2017: 14 anni dopo ci riprova un altro comune, quello di Firenze, ma con scooter al litio al litio:
http://www.055firenze.it/art/153748/Firenze-flotta-Runner-Pizza-diventa-ecologica-scooter-batteria

Anche stavolta, come nel caso degli Oxygen Leton del 2003, sono scooter di produzione italiana, ma della ditta Askoll, entrata nel mercato degli scooter solo pochi anni fa con il cinquantino ES1 (45 km/h), ma che in seguito ha poi immesso sul mercato due modelli più potenti, l’ES2 (cinquantino biposto) e il recente ES3 (motociclo da 3 kW e 70 km/h), segno (probabilmente) del successo dei suoi mezzi.

In questo stesso blog potrete trovare i dettagli degli ES1 e ES2 .

———

Ho scovato nei meandri di internet un antico documento, nientemeno che del 2003, in cui Altroconsumo recensiva gli scooter elettrici dell’epoca: Piaggio Zip, Malaguti Ciak, Peugeot Scoot’elec, Oxygen Lepton:
http://media.altroconsumo.it/download/CB117B0555D19433A652BCF9DFA83A9FD5FE9E9B/35301_ATTACH.pdf

ES2, il nuovo scooter elettrico della Askoll

16 Mag

Dopo aver presentato l’ES1 monoposto l’anno scorso, la Askoll quest’anno rilancia con un più utile scooter con i tradizionali due posti che ogni scooter che si rispetti mette a disposizione.

Anche se si tratta ancora di un “cinquantino” o “ciclomotore” (max 45 km/h), è un po’ più potente del suo predecessore, per far fronte al (possibile) carico maggiore: 2700W anzichè 1500W.

Restano però le stesse le batterie: due valigette da 1 kWh/7.6kg ciascuna (130 Wh/kg, la densità delle vecchie li-ion, ma la qualità delle moderne LiFePO4 Panasonic), per un totale quindi di 2 kWh.

La prova su strada dell’ES1 ha dimostrato la validità della mia formula empirica per il calcolo dell’autonomia dei cinquantini elettrici: moltiplicare per 1.2 il numero degli Ah della batteria. In questo caso verrebbe 48 km. Le prove su strada danno invece questi 3 valori per le 3 modalità:

  • Modalità ECO (35 km/h): 100 km
  • Modalità normal (45 km/h): 80 km
  • Modalità power (45 km/h, più accelerazione): 70 km

Il punto è che la mia formula tiene conto anche della necessità di non scaricare mai la batteria oltre l’80%, perchè questo ne riduce gli anni di vita! E l’80% di 70 è 56…

In più, è da notare che l’accelerazione non è un fattore secondario in uno scooter, anzi: tipicamente, uno scooterista al semaforo sorpassa tutte le auto ferme e si mette in prima fila… e a quel punto, se non ha una bella accelerazione al momento della partenza, rischia di diventare un pericoloso intralcio! Quindi è ipotizzabile che l’ES1 verrà usato sempre ed esclusivamente in modalità power.

Ecco un confronto “visuale” dei due mezzi:

 

ES1

ES1

ES2

ES2

 

 

Di lato:

ES1

ES1

ES2-b

A me sembrano esattamente identici.. forse è solo una questione di “tuning”?

 

Nuovo scooter elettrico in Italia dalla Askoll, l’ “ES1”

2 Mag

Annunciato qualche mese fa, poteva essere uno dei tanti annunci dei tanti  scooter elettrici mai arrivati sul mercato: pieghevoli,montabili , gonfiabili, … 😉 (ora ci si mette pure la Govecs col GiGi…)

Sembra invece che questo scooter della Askoll, basato su design della Emo-Design, sia effettivamente riuscito a raggiungere il mercato, e con una caratteristica molto interessante: sembrerebbe infatti montare le strepitose batterie Panasonic NCR18650, di cui possiede la licenza per la fabbricazione.  “Strepitose” perchè, a differenza delle tipiche LiFePO4 montate sugli scooter elettrici e capaci al massimo di 100 Wh/kg, queste vantano tra 220 e 250 Wh/kg (datasheet per 220 Wh/kg (2900 mAh/cella); datasheet per 244 Wh/kg (3200 mAh/cella)). Il sito parla infatti di una batteriola di soli 8 kg ma contenente ben 2,1 kWh (=262 Wh/kg). Non è ben chiaro se 2,1 kWh è la capacità di una singola batteria o la capacità massima dello scooter, considerando che sul mio Zem avevo due batterie da 10kg/1,4 kW  ciascuna, ma che erano Li-ion da 150 Wh/kg, mentre queste sono da almeno 220 Wh/kg.

batteria-estraibile-askoll

Batterie estraibili Askoll

 

Batterie estraibili Zem

Batterie estraibili Zem

 

La Askoll è un’azienda Italiana di elettrodomestici, ma vista la crisi, anzichè licenziare, ha deciso di diversificare, arrivando così a produrre l’ES1 (e la bici EB1); e tra qualche mese dovebbe presentare anche la EC1, una minicar da 90 km/h e 8000 euro (ma autonomia un po’ bassina, “25 km al giorno” (?) ). (Fonte: sole24ore)

Estremeamente interessante il prezzo di questo scooter: 2.190 euro! In linea col prezzo medio degli scooter elettrici, circa 1,1 Euro/W, ma per niente in linea col costo ipotetico di 4000 euro per le sole batterie…. La cosa è da verificare. E’ anche il prezzo tipico di un ciclomotore al piombo, ormai del tutto anacronistico vista la scarsa autonomia, longevità e accelerazione. Mi viene il dubbio che sia il prezzo senza batterie… (Test sulla versione da 3400 mAh delle celle Panasonic: PDF)

Per adesso hanno aperto negozi solo nel Nord Italia, ma dicono che ne apriranno un centinaio in tutta Italia, e a Roma dovrebbe aprire  in Via Colli Portuensi 67/75 in data da destinarsi. La mail del negozio è  roma1 at askollstore dot com , o sennò ci si può iscrivere alla newsletter sul sito per essere aggiornati automaticamente sulle novità. Appena arriva a Roma lo provo/ispeziono di sicuro!

I dati tecnici salienti dello scooter sono :

  • Motore: 1500 W
  • Coppia: 100 Nm
  • Peso: 75 kg
  • Batteria: 2,1 kWh (54V/20Ah/4kg x 2 (?) )
  • Rapporto potenza/peso: 20 W/kg
  • Autonomia: (fonte)
      • Modalità ECO (35 km/h): 100 km
      • Modalità normal (45 km/h): 80 km
      • Modalità power (45 km/h, più accelerazione): 70 km
  • Sono valori plausibili MA attenzione:
    • probabilmente sono validi scaricando la batteria al 100%, cosa che ne accorcia la vita!
    • è probabile che la modalità “normal” abbia una inutile accelerazione da bradipo…
  • Quindi è più sensato supporre 50-60 km di autonomia reale sicura.

Ha lo stesso rapporto potenza/peso del mio vecchio Zem Star 45, che ho guidato per 3 anni riscontrando un ottimo scatto in partenza agli incroci, essenziale per non essere di intralcio in città rischiando di essere investito dalle auto che sopraggiungono da dietro!

batteria-e-CB

Batteria-valigetta da 1 kWh (a destra) e caricabatterie

 

vano-batterie

Batterie nel sottosella

 

 

Questi sono i grafici di velocità tipici di alcuni scooter, che ho realizzato a partire da vari video reperibili in rete o personalmente tramite GPS:

A parte il Vectrix 2008 da 21 kW e il Govecs S3.4, gli altri sono tutti ciclomotori elettrici con velocità limitata elettronicamente a 45 km/h.

  • L’Ingaeta G1 era un pessimo scooter, fortunatamente mai immesso sul mercato ma provato solo a una fiera: 20 secondi per arrivare a 40 km/h sono intollerabili, sembra di guidare un giocattolo per bimbi.
  • L’E-Vivacity della Peugeot è da 3 kW.
  • Lo Zem Star 45 aveva due modalità: limitata a 45 km/h ma più scattante, e “sbloccata”, con cui poteva arrivare a 65 km/h (ma 52 km/h reali).
  • L’Emax 110S è uno scooter da 4kW ma con 100 kg di batterie al piombo a bordo; ho provato anche questo, e l’ho trovato molto più lento e goffo dello Zem, molto più di quanto possa trasparire dal grafico, al punto da essere imbarazzante ai semafori, a meno di usare il tasto boost; un Emax110S con tasto boost ha lo stesso scatto di uno Zem Star 45 senza boost.