Archivio | eventi RSS feed for this section

Raduno Elettrico Romano 2016

16 Lug

ULTIM’ORA

Il raduno si svolgerà anche in caso di maltempo,  proprio perchè si svolge accanto ad Eataly, che al piano terra dispone di panineria, piadineria, cioccolateria e gelateria, permettendo quindi di svolgere il raduno facendo merenda. 🙂  (anzichè dover aspettare fino a cena per riunirsi tutti insieme intorno a un tavolo, come facciamo in genere).

Ho creato l’hastag #raduno2016 su twitter per coordinarci in caso di maltempo.

 

Come ogni anno, anche nel 2016, in occasione della Settimana Europea della Mobilità Elettrica, si svolgerà a Roma un raduno di appassionati e/o possessori di mezzi elettrici, domenica 18 settembre dalle 16.00 alle 20.00 presso il parcheggio di “Eataly”:

Google maps – mappa

Google Maps – foto

Enel Drive

1eatalyroma

eataly-e1339854049194

Biciclette, monopattini, skateboard, motorini, scooteroni, minicar, automobili, autobus…. qualunque cosa abbia un motore elettrico di trazione può partecipare ai nostri raduni!

Questa volta il raduno vedrà probabilmente la partecipazione anche del centinaio di veicoli messi insieme nel Flash Mob elettrico di Marzo 2016 dal gruppo Facebook “Mobilità Elettrica Roma e non solo“, che includevano anche i veicoli di un paio di concessionari Nissan e Mercedes, quindi sarà un grosso raduno!

Come sempre, sia l’esposizione del proprio mezzo che la partecipazioni al raduno sono totalmente gratuiti.

L’orario del raduno sarà 16:00-20:00.

Il luogo è il parcheggio del ristorante multipiano “Eataly”, accanto alle colonnine di ricarica.

Questa pagina verrà via via aggiornata fino al giorno del raduno.

 


Per chi ha impegni domenica 18, scopro solo oggi, dalla newsletter del comune, che c’è un altro “evento elettrico” dal 17 al 19, dalle 10 di mattina alle 6 di sera, a Villa Borghese:
**** Sabato 17, Domenica 18, Lunedì 19 Settembre   *****
20) Smart expò: esposizione e prova mezzi elettrici
Presenza su largo Marcello Mastroianni di una serie di stand espositivi messi disposizione degli stessi espositori che parteciperanno con i propri mezzi elettrici e le proprie tecnologie per informare e farli provare
Organizzatore: Ruoteperaria.com
Luogo: Villa Borghese – largo Marcello Mastroianni – Viale della Pineta
Data: 17 – 19 settembre
Ora: 10.00 – 18.00
Partner: Askol, Enel, Sharen’go, Cooltra, Nissan, Renault
Municipio:
Contatti Enrico Pascarella [email]e.pascarella@ruoteperaria.com[/email] 335. 8425276
Invece **** giovedì 22**** :
60) Mobilità Elettrica: progetti per Roma – Incontro sugli scenari di sviluppo e progetti per Roma
Organizzatore: Roma Servizi per la Mobilità – U.O. Mobilità Sostenibile
Luogo: Casa del Cinema e area esterna antistante
Data: 22 settembre
Ora: 9.30 – 16.00
Partner: Ruoteperaria
Municipio:
Contatti Andrea Pasotto [email]andrea.pasotto@agenziamobilita.roma.it[/email] 335.7042439
61) La mobilità sostenibile: l’economia e la qualità della vita crescono insieme La mattina: bici passeggiata per collegare aree commerciali e turistiche. Il pomeriggio: conferenza dibattito: La mobilità sostenibile e la valorizzazione del territorio:il litorale alla foce del Tevere. Temi: il territorio e le sue eccellenze. Le Associazioni che operano su di esso. La mobilità sostenibile: esistente e progetti
Organizzatore: Ostiainbici
Luogo: Il territorio del X Municipio.
Sede conferenza da definire
Data: 22 settembre
Ora: 9.00 – 20.00
Partner: Uniostia, Associazione donatori volontari, Comitato promotore Parco Archeologico Integrato, LIPU, Associazione Cyberia – Idee Rete, CEA
Municipio: X
Contatti FIAB Ostiainbici Gianfranco Ferrari – Angelo Arelli [email]Gfr.ferrari@ostiainbici.it[/email], [email]a.arelli@gmail.com[/email] 338.4403420

Questo è l’elenco attuale dei “gruppi elettrici” noti: se il tuo non è tra questi, segnalacelo! 🙂

  1. Uniamoci per Contare: Gruppo per la mobilità elettrica sostenibile (Facebook)
  2. La rivoluzione della mobilità elettrica (Facebook)
  3. CITTA’ PIU’ SILENZIOSE E MENO INQUINATE? CON LA MOBILITA’ ELETTRICA SI PUO’ (Facebook)
  4. Libro “Elettrico? Sì grazie”, già noto come “Guida all’auto elettrica”(Facebook)
  5. Flash Mob Mobilità Elettrica Roma e non solo (Facebook)
  6. Raduno Elettrico Romano (Facebook)
  7. Energeticambiente (Forum)
  8. Jobike (Forum bici elettriche)
  9. Calendario eventi elettrici
  10. Aboliamo il motore a scoppio (Facebook)
  11. Evbility (facebook)

Appuntamenti elettrici marzo 2016: Motodays a Roma, e salone di Ginevra

1 Mar

Dal 3 al 13 marzo 2016 apre al pubblico l’86ma edizione del Salone dell’Auto di Ginevra.

Dal 4 al 6 marzo si tiene invece il Motodays a Roma.
Ecco una lista delle auto elettriche e ibride presentate quest’anno al salone di Ginevra.

Solo 2 le auto a idrogeno (fuel cells) presentate, Hyundai ix35 Fuel CellHonda Clarity Fuel Cell, anche se in realtà ne esistono già cinque… tra cui anche la Toyota Mirai, che è strano non vedere in questo elenco!

 

Elettriche:

MITSUBISHI MOTORS i-MiEV
VOLKSWAGEN e-Golf
RENAULT ZOE
NISSAN Nissan e-NV200 Evalia
NISSAN Nissan Leaf
TESLA Model S
TESLA Model X
E’MOBILE BMW i3
E’MOBILE Mercedes B-Klasse Electric Drive
CITROËN E-Mehari
KIA Kia Soul EV
MERCEDES BENZ B-Klasse Electric Drive
BMW BMW i3

 

Idrogeno:

  1. HYUNDAIHyundai ix35 Fuel Cell
  2. HONDAHonda Clarity Fuel Cell

Ibride:

HYUNDAI Hyundai IONIQ
AUDI Audi A3 Sportback e-tron
VOLKSWAGEN Golf GTE
VOLKSWAGEN Passat GTE Variant
MITSUBISHI MOTORS New Outlander PHEV
E’MOBILE Mitsubishi Outlander PHEV 4×4
FORD C-Max Energi Plug-in Hybrid
AUDI Q7 e-tron
VOLVO Volvo XC90 T8
MERCEDES BENZ E 350 e
BMW BMW 225xe
BMW BMW 330e Limousine
BMW BMW i8
BMW BMW 740Le xDrive
MERCEDES BENZ GLC 350 e 4MATIC
TOYOTA Prius
PORSCHE Panamera S E-Hybrid
TOYOTA Yaris 1.5 VVT-i Hybrid
BMW BMW X5 xDrive40e
PORSCHE Cayenne S E-Hybrid
TOYOTA Auris 1.8 HSD
TOYOTA Auris Touring Sports 1.8 HSD
MERCEDES BENZ GLE 500 e 4MATIC
PEUGEOT Peugeot 3008 HYbrid4
DS AUTOMOBILES DS 5 hybrid 4×4

 

Per il motodays non ci sono indicazioni, sul sito su eventuali aree tematiche elettriche, ma mi è arrivata una mail da RomaCarSharing che dice che loro saranno presenti e offriranno abbonamenti a 1 euro invece che 120 euro.

La BMW presenta a sorpresa all’EICMA una moto elettrica

17 Nov

Per ora se ne sa davvero pochissimo: ” eRR, una super sportiva del tutto simile alla S 1000 RR, ma elettrica.”

http://dem.moto.it/magazine/motoit-magazine-n-221.pdf

Comunicato stampa: link

 

 

Progetto Ele.c.tra per promozione scooter elettrici in città

13 Nov

Si avvia alla conclusione il progetto Ele.c.tra, che vede coinvolta anche l’Italia col comune di Firenze e con la Piaggio, e aveva tra gli obiettivi anche quello di promuovere la mobilità elettrica a due ruote in città: il 25 novembre si svolgerà a Barcellona la conferenza di chisura.

 

Con l’occasione dovrebbero pubblicare i risultati del progetto; finora nella pagina ufficiale del progetto c’era già una sezione “risultati”…. ma in realtà descriveva gli obiettivi, non i risultati!

https://ec.europa.eu/energy/intelligent/projects/en/projects/electra#results

Progetto analogo, ma ancora in corso (fino a marzo 2016) è Pro-e-bike, ma più concentrato sulle bici che non sugli scooter (anzi, il fatto degli scooter elettrici sembra più un “equivoco traduttivo” di e-bike…)

 

 

 

EICMA 2015 a Milano dal 19 al 22 novembre

12 Nov

Riparte l’Esposizione Italiana di Cicli Motocicli e Accessori.

Quest’anno non vedo traccia di “green zone”, nè vedo sezioni del sito dedicate a espositori di scooter elettrici, però qualcosina, a scavare a fondo,  c’è.

C’è la VoltMotorcycles (Q81)che dispone di modelli elettrici di tutti i tipi; chissà che non inizi a vendere anche  in Italia (o se già lo fa?!?); si trova nella corsia Q del padiglione 9, apparentemente insieme ad altri “colleghi elettrici” come Gogoro (Q85),  Zero (Q59), e Sym (Q50), che espone il suo nuovo quadriciclo elettrico ex4U a tre posti. Poi c’è Ztech (Q89) che ha vari modelli di bici e scooter, ma al massimo da 1.2 kW.

Non vedo invece Ecomission, Etropolis, Ecoitalmotor, Emax…. sotto la lettera E non c’è proprio niente di interessante!

Poi mi aspettavo di vedere almeno la Askoll col suo nuovo scooter elettrico italiano Es1… macchè.

Vectrix?  Vmoto? Zanini? Bertini? Emco? Deltasolar?  Stream? Tutti morti.

In compenso la Govecs si è “nascosta” nello stand G41 di tutt’altro padiglione, l’11, casomai qualcuno rischiasse di trovarla insieme agli altri espositori di mezzi elettrici…

Non resta che consolarsi con gli innumerevoli espositori cinesi presenti, molti dei quali, immagino, cercheranno di piazzare i loro scooter elettrici… Per esempio SHENGZHOU ZHONGGONG ELECTRICAL CO. LTD, che offre anche  due rari scooter ibridi, l’Hunt Eagle (batteria al litio da 48V/20Ah/960Wh, motore da 1000W attivo fino a 40 km/h) e il YB50QT-4H, con stessa batteria ma motoricchio da 600W; chissà se li espongono, lì nel loro stand E35 del padiglione 11?

Poi si potrebbe fare pure un viaggio fino al padiglione 13, giusto per dare un’occhiata alle batterie al litio di SMART – BC BATTERY CONTROLLER (ma probabilmente solo per avviamento, e una batteria da 12V/7Ah, che al piombo costa una quindicina di euro, la fanno pagare 256,00 euro…)

 

Citytech 2014: niente auto elettriche per privati

11 Giu

Mercoledì 11 giugno al CityTech era previsto un worksop intitolato “Storie di succeso: bike/car sharing, mobilità elettrica, TPL, pedonalità, ciclabilità, ITS“; sfortunatamente c’era una sorta di “refuso” nel titolo; e non parlo della “S” in meno: mi riferisco al fatto che nessuno ha parlato di mobilità elettrica! O quantomeno, di mobilità elettrica privata: l’unico mezzo elettrico di cui si è parlato è stato l’autobus Bombardier/Primove a ricarica induttiva; poi si è parlato di metropolitane, biciclette, e carsharing, carsharing, carsharing… Quest’anno impazza il carsharing! Sta iniziando a gonfiarsi una bolla tipo quella delle sigarette elettroniche, scoppiata dopo pochi mesi quando qualche genio ha deciso che il vapore che esce dalle sigarette “finte” è tossico come il fumo che esce da quelle vere…

Se però non uscirà fuori qualche genio delle amministrazioni che troverà una legge per dire che il carsharing fa male (ma ci stanno già lavorando: dicono che il carsharing fa male all’economia, perchè fa vendere meno automobili), il carsharing potrebbe rivelarsi una buona soluzione per ridurre il traffico nelle città.

Si vabbè, ma le auto elettriche? Il carsharing cittadino è semplicemente perfetto per le auto elettriche: si fa in città, quindi non ci sono problemi di autonomia, e ti libera dal problema di spendere 30.000 o 40.000 euro per comprare un’auto elettrica.

E invece cosa succede a Roma? Eccoti che, dopo l’introduzione dell’elettrica Citroen C-Zero nel servizio RomaCarSharing, arrivano altri due servizi di carsharing…. che propongono solo auto a benzina! Colmo della beffa, uno dei due, EnJoy, è di proprietà dell’ENI, ditta notoriamente poco interessata a NON vendere benzina, per cui non solo fornisce solo auto a benzina: il servizio si basa su Fiat 500… che in America esiste in versione elettrica, ma in Italia no!

L’altro servizio è invece Car2Go, basato sulle Smart… tutte rigorosamente a benzina.

Ma insomma queste auto elettriche? Queste storie di successo? A parte il tizio che ha messo su un gruppo di acquisto per auto ibride, nessuna traccia di opere passate o piani per il futuro per quanto riguarda la mobilità elettrica per privati. Non parliamo poi di scooter elettrici: quelli continuano a non esistere, quello su cui viaggio io da 3 anni è frutto della mia immaginazione.

Ma veniamo alle auto elettriche esposte:

IMG_20140611_110903

Questo è tutto.

Niente di nuovo, le solite Renault: Zoe, Twizy e Kangoo. La Fluence è ormai fuori produzione. Sul lato opposto del piazzale c’era una smart elettrica, per la prima volta in livrea “standard”, anzichè in bianco e verde.

Però qualcosa di interessante c’era, a guardar bene:

IMG_20140611_091613

 

Le scritte parlano di un progetto sperimentale di carsharing elettrico della Renault a Napoli, Ci.Ro., acronimo di City Roaming, servizio attualmente in prova partito lo scorso febbraio. Speriamo che decidano di importarlo anche a Roma! Purtroppo però al momento non trovo sul sito nessuna info sui prezzi praticati.

IMG_20140611_095107

In quest’altra foto si può vedere un altro servizio di carsharing, denominato EQSharing ed attivo a Milano. Si basa su veicoli leggeri, come la Renault Twizy, l’Estrima Birò e la terribile Ducati Freeduck, il mezzo elettrico più brutto e imbarazzante, anche nel nome, che la storia dell’auto elettrica ricordi…:

freeduck

 

Non che questo mezzo faccia bene all’immagine che il pubblico si fa dei mezzi elettrici… Ma tant’è, almeno è roba elettrica.

Di EQSharing si sanno le tariffe: 30 euro di abbonamento annuale, 10 euro per il settimanale, e 0,13 euro di costo orario per le prime 3 ore, poi è gratis (??). Interessante la trasparenza dei prezzi di penale, che invece RomaCarSharing tiene così ben nascosti che è impossibile trovarli sul sito se non si è iscritti, e una volta iscritti li si trova non nel contratto, ma nel manuale d’uso… Interessante anche che, a differenza di RomaCarSharing, il contratto non implichi il tacito rinnovo annuale:

La validità del contratto termina alla data di scadenza. Puoi rinnovarlo in autonomia tramite la tua pagina personale quando scade, utilizzando la funzione di pagamento del nuovo canone e di attivazione.

Con RomaCarSharing basta invece dimenticare di recedere dal contratto due mesi prima della scadenza per vedersi addebitati automaticamente 100 euro.

La Renault Twizy è stata scelta anche dal servizio di carsharing www.bee.it , sempre a Napoli, partito appena due mesi fa, ad aprile 2014. Le tariffe: 30 euro annuali o 10 settimanali, 0,15 euro la prima ora, 0,20 la seconda, 0,25 la terza, e poi oltre c’è l’opzione flex, con cui si può  tenere il mezzo, previa prenotazione, tutto il giorno ma pagando solo 3 ore di utilizzo.

Considerando che il carsharing elettrico è presente a Milano e Napoli, c’è da chiedersi se a qualcuno verrà voglia di portarlo anche a Roma, con tariffe e metodi più trasparenti del truffaldino RomaCaSharing…


Altro progetto  interessante segnalato in Citytech era il progetto EFRUD (Emission-Free Refigerated Urban Distribution), avente lo scopo di ridurre l’inquinamento dovuto al trasporto di merci deperibili nelle città: queste merci richiedono infatti l’utilizzo di furgoni-frigorifero, che consumano molto più dei normali veicoli, con un equivalente di quasi 17L/100km (6 km/L), con ovvi impatti sulle emissioni (430 g CO2/km, contro i 130 di un’auto). I mezzi del progetto EFRUD consumano e inquinano il 25% in meno  (12 L/100 km, 8 km/L, 323 g Co2/km) dei mezzi refrigerati tradizionali, e in taluni casi risultano essere persino più economici. Almeno questo servizio è già attivo a Roma, da settembre del 2013. Anche se è un po’ avvilente che in tutti i report di EFRUD confondano i Watt con i Wattora (link1, link2, link3), comunque i risultati sono interessanti.


 

Un’ultima nota interessante della visita a Citytech è stata la possibilità di scoprire come distinguere una colonnina ENEL di nuova generazione, che supporta la ricarica da due prese contemporaneamente, da una vecchia dove ne funziona solo una per volta.
Colonnnina vecchia:
 colonnina-vecchia

Colonnina nuova:

IMG_20140611_091919

Purtroppo non ho potuto vedere o ascoltare di più, perchè il convegno si svolgeva all’interno di una vera e propria serra (il semenzaio dell’aranceto di San Sisto), e potete immaginare che temperature si possano raggiungere in un edificio in cui metà delle pareti sono in cemento e metà delle pareti più il tetto sono in vetro, quando fuori ci sono i 35°C di questi giorni… quindi alle 12.00 me ne sono andato (dalle 9.00 che stavo lì e rispetto alle 18 che finiva il convegno).


(Foto qualunque presa da internet, niente a che vedere con Citytech; ma notate le vetrate… e le piante tropicali alte 3 metri che crescono all’interno dell’edificio!)

Esposizione auto elettriche a Roma (10-11 giugno 2014) e Milano (26-28 ottobre 2014): MoTechEco diventa CityTech

4 Giu

Attenzione!

Ho “scovato” la presunta-morta fiera dell’auto elettrica “Motecheco”! (adesso si chiama CityTech; e meno male, la “fiera del macaco” 😉 non era un nome molto accattivante!).

La scoprii nel “lontano” 2011, facendo poi un report sul mio blog per l’edizione dell’anno successivo, report da cui traggo pari pari, adattando solo le date, un piccolo stralcio:

 

Si svolgerà in giorni feriali (da martedì 10 a mercoledì 11 giugno 2014) in orari lavorativi (9.00-17.00), onde evitare che qualcuno possa imbattercisi per caso; tuttavia, se per caso qualcuno dovesse passare dalle parti della fiera nei giorni ed orari prestabiliti, per maggior sicurezza di invisibilità la fiera è organizzata all’interno di una specie di vivaio, “l’Aranciera di San Sisto”, con la scusa che è la sede dell’Assessorato all’Ambiente di Roma Capitale (Via di Valle delle Camene, 11, zona Terme di Caracalla, fermata metro Circo Massimo, autobus 118, 628 e 714). Non ci sarà neanche pericolo che chi abita lì intorno si accorga della fiera in allestimento, se, come l’anno scorso, le auto elettriche giungeranno sul posto nascoste all’interno di grossi tir senza insegne , interamente gialli o interamente rossi, senza nessun indizio sul loro contenuto.

 

MoTechEco/CityTech è anche la fiera dove ENEL mi preannunciò che “presto” avrebbe introdotto la tariffa a consumo  per la ricarica (avvenuta in effetti nel 2013), dove provai la prima volta la Twizy, ma dove non provai la Ford Focus elettrica… perché la prova era riservata ai giornalisti! In Italia la Focus elettrica non è nemmeno in vendita…

 

A garanzia che nessuno possa visitare la fiera solo per caso, l’ingresso è sì gratuito e aperto a tutti… ma solo se siete registrati!

Quindi ecco il modulo per andare a ficcanasare:

http://citytech.eu/index.php/it/component/form/?view=form&id_evento=3

 

Cercate di inventare un’azienda credibile! 🙂

 

Volendo si possono già scaricare le slide dei workshop…  ma per precauzione è meglio mettere online un link guasto e interporre un paio di link di rimbalzo prima di arrivare ai pdf scaricabili… Primo link, rimbalzo, atterraggio, ed ecco finalmente le slide:

 

Martedì 10:

 

Mercoledì 11:

 

Gli orari delle presentazioni sono nel suddetto link di atterraggio.

 

Per gli operatori del settore che volessero partecipare all’evento come sponsor… c’è solo da pagare tra i 7.000 e i 35.000 euro per uno stand. Ma purtroppo bisognava iscriversi entro il 30 maggio.

 

Gli sponsor, ossia gli espositori, di CityTech Roma sono:

Bombardier (camion elettrici e ibridi), Renault (auto elettriche), Car2Go (carsharing), Sicurstrada (sito su sicurezza stradale e mobilità elettrica), CNH Industrial (mezzi pesanti, autobus, trattori), Energica (moto elettriche), Bee (carsharing elettrico di Napoli), più Enel e aziende varie di Comunicazione che non ci interessano. Insieme a CityTech si svolge anche BUSTech (ma solo nell’edizione di Milano, a ottobre), con prove su strada, ergo forse saranno esposti e provati autobus elettrici e ibridi.

 

Ecco infine un elenco di “siti elettrici”, comunque su ecologia e ambiente, trovati nella sezione “rassegna stampa” di CityTech:

  1. www.magazine.greenplanner.it
  2. www.e-gazette.it
  3. www.sicurstrada.it
  4. www.greenstart.it
  5. www.eco-sostenibile.blogspot.it
  6. www.greenreport.it
  7. www.veicolielettricinews.it
  8. www.alternativasostenibile.it
  9. www.ecologica.piazzagrande.info
  10. www.eco-sostenibile.blogspot.it
  11. www.greencity.it
  12. www.smartforcity.it