EICMA 2017: tre nuovi scooter dalla Askoll

12 Nov

Dopo l’ES1, l’ES2 e l’ES3, con EICMA 2017 la Askoll introduce sul mercato tre nuovi modelli:

  1. eS-Sport (=ES2 versione “sport”):  potenza 2.7 kW, autonomia 80 km (eco), velocità 45 km/h; batteria da 2.1 kWh/54V, coppia di 130 Nm

Per le aziende:

  1. eS-Pro-45: 2.7 kW, 80 km (eco), 45 km/h; batteria da 2.1 kWh/54V, coppia di 130 Nm
  2. eS-Pro-70: 3 kW, 96 km (eco), 70 km/h; 86 kg, 2.8 kWh

Le autonomie reali che ci si possono aspettare con quei pacchi batterie e quelle velocità sono, considerando consumi medi di 35 Wh/km per un ciclomotore e 60 Wh/km per uno scooterone:

  1. eS-Sport: 60 km
  2. eS-Pro-45: 60 km
  3. eS-Pro-70: 45 km

 

 

Annunci

EICMA 2017: quattro nuovi scooter elettrici “NIU”

12 Nov

NIU presenta 4 nuovi scooter: due scooteroni, un ciclomotore e un concept.

http://www.greenstyle.it/scooter-elettrici-niu-4-nuovi-modelli-eicma-2017-237238.html

Questi i dati dichiarati:

NIU N-GTX

N-GTX  180 km, 100 km/h; 115 kg, batteria da 60Ah, motore da 5 kW, ricarica a 10A

 

 

NIU N-GT

 

N-GT 130 km, 80 km/h; 105 kg, batteria da 40Ah

 

NIU N-U Pro

N-U Pro 70 km, 45 km/h; 60kg, 21 Ah, ricarica a 3A

 

Riepilogo:

  1. N-GTX:  5 kW, 180 km, 100 km/h; 115 kg, batteria da 60Ah,  ricarica a 10A
  2. N-GT: ?? kW, 130 km, 80 km/h; 105 kg, batteria da 40Ah
  3. N-U Pro: ?? kW, 70 km, 45 km/h; 60kg, 21 Ah, ricarica a 3A
  4. Project X: ?? kW160 km,  120 km/h; una batteria fissa, e una di emergenza estraibile.

Per confermare o confutare i dati dichiarati bisognerebbe conoscere le dimensioni delle batterie, e considerare che un ciclomotore ha un consumo medio di 35 Wh/km e uno scooterone 60 Wh/km. In ogni caso alcuni blog/siti ammettono che i dati dichiarati sono calcolati (come al solito) a 40 km/h, quindi conviene forse usare la mia “formula magica per l’autonomia”, già pubblicata nel libro Guida all’auto elettrica: per un qualunque scooter elettrico al litio (motociclo o ciclomotore) l’autonomia in km è pari agli Ah della batteria moltiplicata per 1,2.

Quindi le autonomie effettive minime garantite degli scooter sono probabilmente:

  1. N-GTX  72 km
  2. N-GT 50 km
  3. N-U Pro 25 km
  4. Project X ?

 

Questi nuovi modelli si vanno ad aggiungere ai pre-esistenti 3 ciclomotori:

  1. M1S: 800W, 51km , 45 km/h; 57.7kg, 26Ah/48V/8.1kg
  2. M1 Pro: 1200W, 58 km, 45 km/h; 59 kg, 32Ah/48V/8.3kg
  3. N1S: 1500W (2400W max), 80 km a 20km/h, 45 km/h; 95 kg, batterie Panasonic / NCR18650PF da 29Ah/48V/10kg

Per questi le autonomie ipotizzabili sono:

  1. M1S: 31 km
  2. M1 Pro: 40km
  3. N1S: 35 km

 

La NIU sarebbe una consociata della KSR Moto, che produce anche mezzi a benzina, sotto marchio Brixton. Sotto il nome di KSR Moto è stato presentato a EICMA anche il ciclomotore Vionis da 2kW a 2.000 euro.

 

EICMA 2017: Peugeot e il suo nuovo scooter elettrico senza nome (GenZe?)

12 Nov

La Peugeot ha presentato a EICMA 2017 uno scooter che chiama “Peugeot 2.0 e-powered by GenZe”, ma questo non è un nome… solo che un nome non c’è! C’ questo strano scooter elettrico monoposto con un mega-vano di carico:

La casa dichiara da 0 a 45 km/h in “meno di 10 secondi”, un’ accelerazione discreta, anche se un moderno scooter al litio può fare di meglio: 0-45 in 10 sono le prestazioni del mio vecchio scooter da 1500W “Zem Star 45”, o del vecchio Oxygen Lepton da 1800W in modalità “leprotto”:

Accelerazione scooter lepton zem EMCO

La Peugeot non ha fornito dati tecnici sul mezzo, ma ipotizzo che la sua potenza sia inferiore ai 2000W.

Lo scooter è monoposto e incorpora un grosso vano di carico nel sottosella, oltre alla staffa per montare un’ulteriore cassa sopra di esso.

Lo scooter era già stato presentato a EICMA nel 2015 e nel 2016, ma è nato in  realtà nel 2013, e all’epoca un nome ce l’aveva: “Mahindra GenZe 2.0” (Mahindra è il  gruppo di cui fa parte Peugeot). Invece nel 2016 fu presentato come “GenZe 2.0 MY 2017”.

Le precedenti esperienze di Peugeot nel campo degli scooter elettrici furono nel 1996 Scoot’elec e nel 2011 E-Vivacity.

 

Coefficiente di attrito aerodinamico Cx

5 Nov

Il “coefficiente di attrito aerodinamico” è un indice di aerodinamicità di un corpo: più il coefficiente è basso, più facilmente il corpo penetra nell’aria, che quindi offre minor resistenza al moto del corpo stesso.

E’ un valore che ha grande impatto sui consumi di un veicolo alle alte velocità, e dipende dalla scabrosità della superficie del veicolo, oltre che dal profilo (sezione longitudinale) dello stesso.

Questo coefficiente è abbreviato in modi diversi a seconda della lingua: Cw per i  tedeschi, Cd per gli inglese, Cx per gli italiani, ma si tratta sempre della stessa identica cosa.

Cw deriva probabilmente dal termine tedesco “weiderstand”, cioè “resistenza” (dell’aria in questo caso). Il nome esteso in tedesco del Cw è  Strömungswiderstandskoeffizienten, più leggibilmente “Strömungs-widerstands-koeffizienten”. I tedeschi lo chiamano a volte anche “Cw-wert” (“valore di Cw”).

Cd deriva probabilmente dal termine inglese “drag”, cioè “trascinamento”; si parla infatti di “air drag” nel caso di resistenza aerodinamica. Il Cd è quindi il Drag Coefficient.

Per il “Cx” usato da francesi e italiani non ho trovato etimologia.

 

Ma parlando di questioni più pratiche, in che modo il Cx/Cd/Cw (d’ora in poi solo Cx) incide sui consumi di un veicolo?

Per calcolare la potenza che un veicolo deve avere per vincere la resistenza aerodinamica si usa una particolare formula; da essa si evince che:

  • a 50 km/h il valore di Cx va moltiplicato per circa 3000 per calcolare la potenza
  • a 100 km/h il Cx va moltiplicato per circa 21.000

Significa cioè che la resistenza aerodinamica, tra 50 e 100 km/h, differisce per un fattore 7.

La formula è infatti:

  • Px = 0.5 * rho * Cx * A *v^3
    • rho = densità dell’aria (circa 1,2250 kg/m^3)
    • Cx (adimensionale)
    • A = area frontale (m^2)
    • v = velocità (m/s)

Usando le unità di misura indicate si ottiene la potenza in   kg * m2 / s3 , cioè in Watt (cioè in Joule/secondo).

Se per un’auto il Cx ha valori intorno a 0.2-0.3, per un ciclo o motociclo si arriva a valori di 0.8-0.9 se non carenato; la Renault Twizy, una via di mezzo tra motociclo e automobile, ha un Cx che è anch’esso una via di mezzo: 0.64.


A completamento di quanto sopra, anche se è del tutto indipendete dal Cx bisogna citare il Crr, il coefficiente di attrito di rotolamento; la suddetta “potenza di attrito aerodinamico” è infatti solo uno dei fattori che determina quanta potenza deve avere un veicolo per spostarsi a una data velocità: bisogna infatti tenere conto anche dell’attrito di rotolamento delle ruote, che ha anch’esso un suo coefficiente, talvolta indicato con Crr, e che trova posto in questa formula:

  • Frr = m * g * Crr
    • m = massa (kg)
    • g = 9,81 (m/s2)  (=accelerazione di gravità)
    • Crr (adimensionale)

Essendo la potenza il prodotto di Forza per Velocità, la potenza di attrito di rotolamento sarà:

  • Prr = m * g * Crr *v

La potenza di attrito complessiva è quindi:

  • Pa =     Prr + Px    =   (m * g * Crr * v)     +     (0.5 * rho * Cx * A *v^3)

Test drive Volkswagen Golf elettrica a Roma, Napoli e padova

12 Ott

e-Roadshow

Sei tappe in tutta Italia ti aspettano per scoprire tutti i vantaggi della guida elettrica e provare in prima persona un nuovo modo di viaggiare. Una flotta di e-Golf e driver professionisti ti faranno vivere un’esperienza coinvolgente e formativa: la guida a bordo della Nuova e-Golf è più potente, più autonoma e più efficiente grazie alle sue tecnologie innovative. Scopri Nuova e-Golf in un’area espositiva interattiva e metti alla prova le tue conoscenze sul mondo delle vetture elettriche.

  • 14·15 ottobre – Roma Centro Commerciale “Porta di Roma”
  • 21·22 ottobre – Napoli – Lungomare Caracciolo
  • 26·29 ottobre – Padova – Fiera auto e moto d’epoca

https://mobilita-alternativa.volkswagen.it/e-roadshow/?tc=oa-eroadshow-phd_programmatic-dbm_prospecting_18_54-native-romahttps://mobilita-alternativa.volkswagen.it/e-roadshow/?tc=oa-eroadshow-phd_programmatic-dbm_prospecting_18_54-native-roma

Il ritorno da Roma a Milano in elettrico

8 Ott

(Vedi post precedente)

(i chilometraggi sono approssimativi e presi da Google Maps):

 

 

Riepilogo tappe:

Luogo Tot km percorsi Km tappa Orario Tempo da partenza Durata Tappa (inclusa ricarica) Durata sosta Velocità media equivalente
Partenza Roma 0 11.47
Arrivo Magliano 70 70 12.38 03.33 00.51 01.04               82
Partenza 13.42
Arrivo Valdichiana 180 110 14.45 05.40 02.07 00.32               52
Partenza 15.17
Arrivo Barberino 310 130 16.44 07.39 01.59  n/a               66
Partenza
Arrivo Reggio Emilia 430 120 19.17 10.12 02.33 n/a n/a
Partenza
Arrivo Milano 570 140 21.54 12.49 02.37               54

 

 

 

Daniele Bonafede e la prima trasvolata atlantica… anzi, italica, ed elettrica

7 Ott

Il 7 ottobre potrebbe passare alla storia… quantomeno alla storia delle auto elettriche: il proprietario di una Nissan Leaf con batteria da 30kWh e autonomia di 200 km ha percorso l’autostrada Milano-Roma in una volta sola, senza dover aspettare un giorno per ogni ricarica completa; Milano e Roma distano infatti 570 km, il che significa almeno 3 ricariche, ma ricaricare 30 kWh significa 10 ore con una presa casalinga o con una colonnina a bassa potenza, o più di un’ora con una colonnina “veloce” da 23 kW… ma le colonnine ci devono essere!!

Dal primo ottobre 2017 sono attive sulla tratta Milano-Roma  30 colonnine di ricarica Enel/Eva+ con potenza di 50 kW, che permettono cioè di ricaricare in mezz’ora; le colonnine sono disposte ogni 60 km, rendendo così virtualmente possibile il viaggio Milano-Roma a qualunque auto elettrica.

Ma Daniele Bonafede ha voluto trasformare il “virtualmente possibile” in “realmente possibile”, lanciandosi in un’impresa che sembra un po’ ricordare la prima trasvolata atlantica, quando si pensava che fosse impossibile trasvolare l’atlantico. Charles Lindbergh ci riuscì in due giorni, il 20 e 21 maggio del 1927.

90 anni dopo Daniele Bonafede “trasvola l’Italia” elettricamente in una giornata.

Qui di seguito i link a tutti i “live” su Facebook, registrati qui prima che andassero perduti nell’oblio dei post antichi (i chilometraggi sono approssimativi e presi da Google Maps):

 

Riepilogo tappe (i dati in corsivo e grassetto sono stimati):

Luogo Tot km percorsi Km tappa Orario Tempo da partenza Durata Tappa (inclusa ricarica) Durata sosta Velocità media equivalente
Partenza Milano 0 09.05
Arrivo Fidenza 100 100 10.46 01.41 01.41 00.32                       59
Partenza 11.18
Arrivo Bologna 200 100 12.54 03.49 02.08 00.37                       47
Partenza 13.31
Arrivo Barberino 260 60 15.45 06.40 02.51 00.30                       21
Partenza 03.21
Arrivo Valdichiana 390 130 18.17 09.12 02.32 00.30                       51
Partenza 03.02
Arrivo Magliano 500 110 19.43 10.38 01.26 00.30                       77
Partenza 01.56
Arrivo Roma 570 70 21.46 12.41 02.03                       34