Archivio | giugno, 2018

L’evoluzione elettrica di Marchionne e della FIAT/FCA

9 Giu

L’evoluzione di Sergio Marchionne e della ex-FIAT (Fabbrica Italiana Automobili Torino), oggi FCA (FIAT-Chrysler Autmobiles):

Era rimasto solo lui: già dal 2015 la rivoluzione elettrica era nell’aria, e altri produttori avevano iniziato a intuirlo!

Narra la leggenda che fu la FIAT, negli anni ’60, a fare pressioni sul governo affinchè costruisse l’autostrada del sole, per poter vendere (ancora) più automobili agli italiani del boom economico, periodo in cui nel giro diun decennio i salari erano aumentati del 142% e tutti volevano “farsi la macchina”; ma se per andare da Roma a Milano bisognava passare per tutti i paesini dell’appennino e mettere in conto 15 ore di viaggio e 4 soste per sgranchirsi le gambe, la macchina chi se la sarebbe mai comprata?!?

15 ore e 4 soste sono più o meno il tempo che ci vuole OGGI, nel 2018, per andare da Roma a Milano facendo l’autostrada del sole… ma in auto elettrica, perchè non ci sono colonnine di ricarica in autostrada (anche se fuori, vicino ai caselli, ne hanno recentemente installata una ogni 60 km), e a velocità autostradale non ci sono auto in grado di percorrere più di 150 km con una ricarica.

Vediamo se la storia si ripete!

Roma-Milano in autostrada sono distanti 670 km e 5-6 ore con un’auto a benzina.

 

 

 

 

 

 

Annunci

Pubblicato standard SAE j2954 per la ricarica wireless delle auto elettriche

9 Giu

Si chiama SAE j2954 ed è lo standard che definisce in che modo si dovranno ricaricare in futuro le auto elettriche. E’ molto importante (e insolito) che uno standard venga introdotto PRIMA che decine di produttori immettano sul mercato decine di prodotti incompatibili tra loro; è stato pubblicato a novembre 2017 (ma io l’ho scoperto solo ora…).

Avere uno standard significa poter comprare, dopodomani, in un qualunque Unieuro o Mediaworld (per dire…) una “piastra universale di ricarica wireless” da mettere in garage; a quel punto, mettere l’auto in carica o parcheggiarla, saranno la stessa cosa!

La pubblicazione di questo standard è importante quanto lo fu l’accettazione ufficiale da parte dell’unione europea del connettore “Mennekes VDE Tipo 2” come unico connettore ammesso per la ricarica di mezzi elettrici tramite corrente alternata, accettazione avvenuta il 26 marzo 2014.

 

Roma e le auto elettriche: corsie preferenziali e strisce blu

3 Giu

Le agevolazioni alla  circolazione per i mezzi elettrici sono definite non a livello nazionale ma comunale, cioè varia da comune a comune se con un’auto elettrica si può circolare sulle corsie preferenziali, parcheggiare gratis nelle strisce blu, pagare il bollo, accedere a zone a traffico limitato,…
Per Roma:

  • Accesso corsie preferenziali: no
  • Parcheggio gratis strisce blu: (registrare veicolo per email una tantum) (anche veicoli ibridi)
  • Bollo (tutto il Lazio): No per 5 anni dalla PRIMA immatricolazione (3 anni per mezzi ibridi); dopo, 1/4 del prezzo normale, per sempre per i veicoli; prezzo intero dopo 5 anni per i motocicli.
  • Accesso ZTL: sì (registrare veicolo per email  una tantum) (anche veicoli ibridi)
  • Zone pedonali: no