Archivio | luglio, 2014

Retrofit elettrico: possibile da marzo 2015?

23 Lug

risoluzione in commissione C. 7/00170 / Testo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE – OpenParlamento

Atto C.7/00170
Presentato da CATALANO Ivan
testo di Lunedì 18 novembre 2013, seduta n. 120

La IX Commissione, premesso che:
il 26 giugno 2012 è entrato in vigore il decreto-legge n. 83 del 2012 (Misure urgenti per la crescita del Paese)
[…]
ad oggi l’unico ente autorizzato alle omologhe dei veicoli è la motorizzazione civile,
[…]

impegna il Governo:

ad emanare, entro marzo 2015, i decreti attuativi di cui all’articolo 75, comma 3-bis, del decreto legislativo n. 285 del 30 aprile 1992, relativi alle modifiche consistenti nella trasformazione degli stessi in veicoli il cui motore sia ad esclusiva trazione elettrica;
ad elaborare una procedura di omologazione, entro marzo 2015, individuando i criteri per identificare enti terzi autorizzati alla omologazione;
ad elaborare una procedura di certificazione per le autofficine, che grazie a questa certificazione potranno essere autorizzate alla riparazione di tali vetture modificate.

Annunci

Riforma al codice della strada

23 Lug

E’ in corso di discussione e approvazione al Parlamento (per il momento alla Camera) un progetto di riforma del Codice della Strada, volto a snellirlo e semplificarlo.

Tra i vari articoli, commi e sottocommi, due potrebbero essere di interesse per chi si occupa di mobilità elettrica:

  1. L’autorizzazione alla circolazione in autostrada di motocicli di con cilindrata tra 120 e 149 cc ( Articolo 2, comma 1.d.8bis); in teoria rientrano in questa categoria gli scooter elettrici di potenza superiore a 4 kW e/o velocità superiore a 45 km/h, che cioè non possono essere classificati come ciclomotori, ma che, non richiedendo la patente A, in teoria non potrebbero circolare in autostrada, dove possono circolare solo motocicli di cilindrata superiore a 149cc, che possono essere guidati solo con patente A.
    Anche se continua a non esserci traccia di norme specifiche per gli elettrici, è un punto interessante.
  2. La semplificazione delle pratiche di omologazione di mezzi modificati (potrebbe essere utile per il retrofit elettrico) (Articolo 2, commi 2.e e 2.f):

Continua a leggere

Diari elettrici

13 Lug

Alcune testimonianze di chi guida auto/scooter elettrici:

Renault Zoe:

http://www.energoclub.org/news/diario-di-bordo-le-esperienze-di-chi-guida-lauto-elettrica-ogni-giorno

http://ik3ngu.wordpress.com/

 

Oxygen Lepton convertiti al litio:

http://giannicomoretto.blogspot.it/2010/04/batterie-e-motorini.html

http://www.aspoitalia.it/blog/nte/2009/09/10/la-storia-di-quello-che-si-era-buttato-nudo-nel-cespuglio-dei-rovi-per-cogliere-le-more/

 

Ecojumbo a Roma:

https://www.facebook.com/pages/Un-Ecojumbo-a-Roma/332476133464963

 

Scooter elettrici vari:

http://leomignemi.wordpress.com/

http://eco-mobilita.blogspot.it/

http://ccriss7z.wordpress.com

http://viaggisenzacolonnine.zxq.net/site/20120510_CaricaColonninaIkeaCarugate.html

http://jumpjack.wordpress.com/2012/05/20/indice-diario-elettrico-scooter-zem-star-45/

 

Gruppo Facebook possessori mezzi elettrici:

https://www.facebook.com/groups/Contiamoci.PerContare/

 

 

Nuovo servizio di carsharing a Roma e Milano; anzi, TwizySharing!

5 Lug

Bruciati sul tempo i vari servizi di carsharing elettrico già esistenti in Italia, presentati un mese fa a Roma come se fossero prossimi ad arrivare nella capitale, Twizy2go si inserisce nel panorama romano del carsharing, che al momento vede già attivi Car2Go, EnJoy e Romacarsharing, di cui però solo l’ultimo è dotato di auto elettriche.

I prezzi lasciano un po’ perplessi: 75 euro per noleggiare una monoposto (vabbè, due posti) elettrica con 60 km di autonomia, quando probabilmente per meno si può avere un’auto a 4 posti  a benzina… Ma vabbè, probabilmente è per coprire i costi di avvio, ed ogni mezzo elettrico in più in giro per Roma è una nuvola di smog in meno che entra nei polmoni…

I punti di prelievo/rilascio sono vicino a Piazza Barberini e in Via Cavour.

Il progetto è realizzato in collaborazione con Ekò Green Mobility, meglio nota come Ekoroma, che le Twizy le vende anche, insieme alle Estrima Birò, Tazzari Zero e GreeenGo Icar0, e chissà che quindi prima o dopo non offrano a noleggio anche questi altri mezzi. Sul sito partner http://www.veicolielettriciroma.it/ suggeriscono anche la possibilità di noleggiare la “Mia”, strana auto elettrica francese a 3 posti, salvo poi non trovarla tra quelle disponibili a Roma, ma viene da pensare che lo sarà presto: un’occasione interessante per provare per qualche ora questa introvabile macchinina elettrica, che a comprarla costerebbe sui 20.000 euro.

Purtroppo il sito twizy2go è stato tirato su, a quanto pare, un po’ alla bell’e meglio, per cui, ad esempio, anche se è un sito italiano è scritto meglio in in inglese che in italiano…

Riguardo a noi

Twizy2Go è un nuovo servizio offerto e gestito da Ekò verde Mobility che consente di noleggiare un Twizy per ogni uso:. Work, intrattenimento, visite turistiche ecc Attraverso la nostra rete si può prendere la Twizy in uno dei nostri parcheggi e rilasciarlo fuori al punto più vicino a voi.

About Us
“Twizy2Go is a new service offered and operated by Ekò Green Mobility that allows you to rent a Twizy for each use: Work, Entertainment, Tourist Visits etc.. Through our network you can take your Twizy in one of our parking lots, and drop it off at the point nearest you.”

Anche la pagina di noleggio è un po’ strampalata, indicando che sono disponibili sia Twizy con cambio manuale che automatico… Peccato che la Twizy il cambio non ce l’abbia proprio!
Vabbè, problemi di gioventù, l’importante è iniziare.
Spero che mettano presto a noleggio tutte le altre minicar, sia perchè è ora che la gente sappia che esistono (a Roma ci potrebbe essere un boom di vendite, se la gente le conoscesse!)… sia perchè le voglio provare tutte per 24 ore! 🙂