La mia prima auto elettrica?

23 Mar

Dopo anni e anni di ricerche, finalmente oggi mi sono trovato alla guida di quella che presto potrebbe diventare la mia auto elettrica!

Partiamo dalla cosa più preoccupante in questo campo, il prezzo: 13.000 euro, IVA e batterie incluse. Giudizio: positivo, è la metà dell’auto elettrica più economica!

Poi passiamo alla seconda cosa più preoccupante, l’autonomia: 165 km. Ottimo, anche usando la batteria solo al 50% significa 80 km! A me ne bastano 10+10 per andare a lavoro, e con 80 potrei coprire una vastissima area intorno casa (leggasi: case di tutti gli amici e parenti).

Il terzo motivo di angoscia nella scelta di un’auto elettrica è la velocità: visto che sto parlando di una minicar e non di una “vera” auto (di qui il basso prezzo), è molto importante che non sia un giocattolo per 14enni che va a 45 km l’ora. Questa invece raggiunge i 65 km/h: non tantissimo, ma più che sufficiente per essere utilizzabile, oltre che sul lento circuito cittadino, anche sui brevi tratti extraurbani che devo percorrere; in più, essendo un quadriciclo pesante invece che leggero/ciclomotore, almeno in tangenziale ci può andare (in autostrada ovviamente no, e anche se potesse non ci andrei di proposito, a 65 in autostrada!!!).

Infine, l’ultimo problema che ho riscontrato nelle (poche) minicar provate finora: la ripresa in partenza, e la pendenza superabile. Sulla Renault Twizy tutto ok, è al litio con motore da 8 kw, ma è la twizy in sè, coi posti in linea, i finestrini finti e le sospensioni di marmo che non mi piace; sulle altre che ho provato, Ingaeta Ingo (che sembra però che non verrà mai messa in vendita) e Estrima Birò (che ho provato in versione al piombo), la ripresa…. non esiste! 15 o 20 secondi per arrivare faticosamente a 44 chilometri all’ora e mezzo sono insopportabili! Forse col Birò al litio le cose vanno meglio, vedrò se riuscirò a provarne uno un giorno o l’altro.

Invece la macchinina che ho provato ha batterie al litio di serie e 6 kW invece dei soliti 4 delle macchinine, quindi ha un ottimo spunto, anche con due persone a bordo (purtroppo da solo non me l’hanno fatto provare), e anche su una assurda salita del 18% lunga 200 metri non la smetteva di accelerare! E’ arrivata a 43 all’ora, che su una velocità massima in pianura di 65 all’ora sono una vera enormità! In pianura, invece, sempre in 2, da 0 a 50 in 6 (sei)  secondi, un ottimo tempo (il birò ne impiega 17 “di targa” con una persona, quindi probabilmente più di 20 in 2; 10 secondi, dicono, col “boost” inserito). Purtroppo il video del cruscotto è venuto uno schifo e non sono riuscito a registrare il tempo per raggiungere la velocità massima, comunque a 60 è arrivata in 8 secondi, quindi immagino che arrivi a 65 in meno di 10 (o magari arriva in realtà al massimo a 60).

La macchinina in questione si chiama i.car0, ed è prodotta dalla GreenGo, che pare abbia almeno 3 o 4 concessionari a Roma, anche se devo ancora verificare dove&come.

Volendo è possibile comprare la macchina a 10.000 euro e prendere invece le batterie in leasing.

Annunci

13 Risposte to “La mia prima auto elettrica?”

  1. Sandro 2013/04/02 a 14:37 #

    articolo molto interessante; anch’io sono in procinto di comprare un auto elettrica e la i.car0 è una dei due modelli sulle quali ho concentrato la mia attenzione; l’altra è la seees ev3 che ha caratteristiche simili ma con velocita e autonomia rispettivamente di 85 e 70-80 e monta batterie al pimbo. tu la conosci, che cosa ne pensi? un’altra mia domanda è se è possibile variare la velocità massima a discapito della autonomia, cioè la i.car0 potrebbe andare a 85km/h?

    • jumpjack 2013/04/02 a 14:46 #

      Non conosco la Seees, ma non mi piacciono i mezzi elettrici al piombo, troppo goffi, lenti e anacronistici; avrebbe senso comprarne uno usato a 4 soldi solo per convertirlo al litio.
      Non so se, come e quanto la Icar0 possa essere modificabile, so solo che, almeno normativamente, non ci sarebbero problemi a portare la velocità fino a un massimo di 80 km/h (se va più veloce, diventa un autoveicolo anzichè un quadriciclo pesante), visto che va già a più di 45 e quindi è gia un quadriciclo pesante.

  2. roberto 2013/05/16 a 11:16 #

    ICARO di Greengo a Roma presso Ekoroma, http://www.ekoroma.it

    • jumpjack 2013/05/16 a 20:14 #

      Salve!
      Vedo che avete un bel parco auto, è possibile provare qualcuna delle minicar per qualche ora in modo da poter mettere le recensioni nel blog?
      E i prezzi di acquisto quali sono?
      A parte questo… ma non manca uno zero in questa pagina?
      http://www.ekoroma.it/dp6/?q=node/72
      Io con l’auto a benzina spendevo MILLECINQUECENTO euro di benzina all’anno! Con 144 litri di benzina un’auto fa al massimo 3000 km, chi mai fa 3000 km all’anno con l’auto?!? E inoltre il prezzo della benzina non è più 1,3 euro al litro, magari! 😉

      • roberto 2013/05/16 a 20:29 #

        Ciao, certo che possiamo fare un giro con la ICarO, Interconnected Car 0 emission, dove ti trovi/citta’?

  3. roberto 2013/05/16 a 20:32 #

    Il prezzo parte da ca. € 10.000 con batterie a noleggio…. Possibile anche acquistare le batterie che hanno ca. 3.000 cicli di ricarica possibili……

    • jumpjack 2013/05/16 a 21:01 #

      Ottimo, io sto fuori Roma, dalle parti di Mentana. Il sabato siete aperti? Durante la settimana fino a che ora?

  4. roberto 2013/05/17 a 14:48 #

    Domani, Sabato 18 Giugno, siamo al Ponte Milvio di Roma dove sará possibile vedere e provare ICarO….. Per maggiori informazioni, Roberto 3496020150

  5. Francesco 2013/05/31 a 06:29 #

    Qualcuno ha idea se ci sono concessionari per icaro a Torino?

  6. Biagio 2013/09/03 a 21:49 #

    Scusate il consiglio io avevo una Seees ev 03 svenduta per diversissimi problemi e numerosissime rotture in pratica un carrozzone venduta quella mi sono subito indirizzato verso due modelli una era la nwg bella ma eccessivamente cara per una vetturetta e la Icaro. Ovviamente ha prevalso la Icaro per molteplici motivi uno per le finiture e gli optional veramente ricchissimi (neanche la Smart vanta tanti accessori) la silenziosità e il prezzo basso d’acquisto che se uno si fa due rapidi calcoli si rende conto che con quello che si risparmia la macchina te la sei pagata in 5 o 6 anni. Bene l’ho acquistata e devo dire che ne sono contentissimo e una vettura che nn passa inosservata provarla per credere.

  7. Maurizio 2015/10/13 a 13:41 #

    anch’io ne ho acquistata una, unico neo la velocita 66 di tachigrafo e 54/55 di GPS sigh sigh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: